Invecchiamento come opportunità: il lavoro di Age Platform. Intervista a Estelle Huchet

Proseguiamo le nostre interviste sul lavoro di promozione dei diritti delle persone durante il proprio processo di invecchiamento, svolto dalla piattaforma Age Platform. In questo secondo articolo presentiamo l’intervista a Estelle Huchet, project officer ad AGE Platform, con cui abbiamo parlato di piattaforme collaborative, di ambiente assisting living (AAL) e di smart life.

1) Potresti darci alcuni esempi di case di cura innovative o progetti che utilizzano tecnologie di assistenza ambientale assistita (AAL)?

Diversi progetti di ricerca e innovazione interessanti hanno utilizzato le tecnologie in ambito assistenziale. Un numero consistente di progetti, ad esempio quelli finanziati dal programma di finanziamento Active and Assisted Living (AAL), si occupano dello sviluppo di soluzioni pronte per il mercato. Tuttavia, non tutti sono utilizzati nelle impostazioni di cura; un elenco di tutti i progetti finanziati nell’ambito del programma AAL è disponibile sul sito web dell’Associazione AAL.

Alcuni altri progetti finanziati da Orizzonte 2020 o Erasmus+ si sviluppano piuttosto nel più ampio contesto della digitalizzazione delle prestazioni di assistenza sanitaria e sociale; è ad esempio il caso di iCareCoops. Il progetto ha sviluppato una soluzione guidata dalle TIC per far fronte al crescente bisogno di assistenza da parte della nostra società che invecchia; Cooperative Europe, partner del progetto, ha identificato esempi di cooperative di assistenza che hanno implementato tecnologie intelligenti. Maggiori informazioni possono essere trovate sul loro blog.

Il progetto NESTORE sta lavorando allo sviluppo di un coach virtuale per sostenere le persone anziane che sostengono o migliorano la loro salute e benessere e quindi vivono in modo indipendente il più a lungo possibile [ndr: abbiamo parlato nell’intervista con Ilenia Gheno da trovare (inserire intervista Ilenia Gheno). A differenza del progetto NESTORE, che sviluppa le sue soluzioni nelle singole abitazioni delle persone, il progetto GrowMeUp ha creato un innovativo robot di servizio per la vita assistita e testato nei centri di cura di Caritas Coimbra, uno dei partner coinvolti in attività di co-creazione con persone anziane. I robot creati possono eseguire con servizi di riconoscimento facciale, suggerire giochi, esercizi fisici e fare alcune conversioni.

Diverse buone pratiche sono state evidenziate anche dalla prima edizione dei European Silver Economy Awards che celebra prodotti o servizi innovativi relativi alle TIC in tutti i settori che contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini anziani; si consiglia di guardare i vincitori e i finalisti disponibili qui (in particolare nella categoria no profit):

  • Grey Panthers: un’associazione il cui sito funziona molto bene ed è seguito da persone anziane, soprattutto nell’area di Milano. Sono un’importante fonte di informazioni sui progetti AAL. Soprattutto, sono attivi nel progetto NESTORE di cui abbiamo parlato nell’intervista con Ilenia Gheno e hanno sostenuto la diffusione del questionario sul progetto in italiano. D’altra parte, fanno parte del Forum degli stakeholder consultivi del progetto che AGE gestisce.

2) Siamo nell’era delle piattaforme digitali come mezzo per creare nuove comunità che possono migliorare coesione sociale online e creare nuovi servizi. Come cambia la piattaforma digitale la gamma di servizi per le persone anziane?

È interessante notare che, anche se la tua domanda si riferisce all’economia collaborativa, sembra che tu faccia immediatamente riferimento alla fornitura di servizi. In realtà, nel mondo delle piattaforme digitali, gli anziani propongono e forniscono attività e servizi alla comunità.

Anche se i governi nazionali riformano la durata della vita lavorativa in risposta a aspettative di vita più lunghe,  la durata della pensione tende ad aumentare. Con l’aspettativa di vita alla nascita nell’UE stimata a 81 anni, lascia gli europei più o meno 15 anni di pensione; e si dovrebbe notare qui che, sebbene l’invecchiamento possa comportare molte sfide, specialmente in relazione alla propria salute e all’indipendenza, la grande maggioranza degli anziani europei rimane attiva e autonoma oltre la pensione. Molti di loro offrono quindi le loro competenze online, che possono anche essere un modo per sbarcare il lunario in paesi con pensioni basse.

Ci sono sempre più esempi di persone che offrono servizi su piattaforme cooperative. Oggigiorno, le persone anziane guidano anche per UBER, diventano host attraverso Airbnb, forniscono servizi di scambio nel vicinato (insegnamento, babysitter, giardinaggio, ecc.). Detto questo, non dovremmo allentare i nostri sforzi per rendere tali tecnologie accessibili, accessibili e ampiamente disponibile per tutte le fasce d’età.

In base alla digitalizzazione di beni e servizi particolarmente rilevanti per le persone anziane, la Commissione europea ha recentemente pubblicato una comunicazione sulla trasformazione digitale della salute e dell’assistenza.

I recenti inviti a presentare proposte sono andati anche nella direzione della registrazione dei dati e della creazione di banche dati per il monitoraggio sanitario, le innovazioni sanitarie transfrontaliere, ecc. In un nuovo futuro, potremmo vivere in un continente dove una volta può arrivare all’ospedale ed essere in grado di accedere o consentire all’operatore sanitario di accedere a un file digitale con una cartella clinica completa.

Molte innovazioni stanno spuntando in tutti gli angoli d’Europa, ma ci manca ancora un sistema interoperabile, sicuro e accessibile ai cittadini che le persone e i professionisti possano facilmente identificare, utilizzare e fidarsi. Il prossimo programma europeo di finanziamento della ricerca “HorizonEurope” andrà probabilmente nella direzione di progetti più completi e di integrazione. Nel frattempo, le parti interessate locali hanno stabilito le proprie reti tra le quali possiamo citare:

  • ProMIS: l’internazionalizzazione dei sistemi sanitari regionali nel campo dell’invecchiamento e delle malattie croniche (ProMIS) è una rete italiana istituita per sostenere l’attuazione di programmi integrati di assistenza e di malattie croniche
  • EIP AHA: il partenariato europeo per l’innovazione sull’invecchiamento attivo e in buona salute è un centro di comunicazione e di informazione per tutti gli attori coinvolti nell’invecchiamento attivo e in buona salute in tutta Europa. È un luogo in cui incoraggiare l’impegno dei partner, promuovere notizie ed eventi, incontrare e scambiare idee con colleghi e cercare potenziali partner in progetti innovativi:
  • Patto europeo sul cambiamento demografico: il Patto riunisce le autorità pubbliche europee, a livello locale, regionale e nazionale e altre parti interessate, impegnate a sviluppare ambienti che sostengano l’invecchiamento attivo e in buona salute, a migliorare la vita indipendente e il benessere delle persone anziane, e creare una società per tutte le età:
  • WHACC: la rete globale dell’OMS per le città e le comunità di anziani vi fornirà tonnellate di buone pratiche da tutto il mondo; dovreste essere in grado di esplorare il loro database per settore e quindi selezionare buone pratiche in relazione a “alloggio”, “servizi”, “mobilità”, ecc. a seconda del tuo campo di interesse:

Dall’inizio del 2018 è disponibile anche una nuova versione del manuale dell’OMS per le comunità a misura di anziano. Questa guida è un documento di riferimento AGE per quanto riguarda l’età; è molto istruttivo in quanto elenca criteri chiari per l’implementazione e il monitoraggio.

3) Sui processi partecipativi, quali strumenti utilizzi per progettare e implementare il progetto bottom-up?

Esistono molte metodologie partecipative; nessuna di esse è specifico per le persone anziane e il processo e gli strumenti devono essere raccolti in base ai risultati attesi e alle peculiarità che i gruppi target possono avere.

Se lavori principalmente con gli accompagnatori, un interessante documento di Caritas Coimbra ha raccolto raccomandazioni su come coinvolgere gli operatori della cura nella co-progettazione di nuovi servizi per le persone anziane. L’accettazione o la riluttanza a cambiare (ad esempio a causa dell’introduzione di tecnologie o di nuove soluzioni) dipendono molto dalla misura in cui un individuo crede che le persone che sono importanti per lui / lei approveranno la sua adozione di un particolare comportamento. È quindi della massima importanza includere anche utenti indiretti di innovazione.

Il programma AAL parla quindi di tre tipi di utenti riguardanti l’uso e la creazione di tecnologie di automazione domestica per l’assistenza.

  1. Gli utenti primari sono coloro che utilizzano le tecnologie di automazione domestica nella loro vita quotidiana.
  2. Gli utenti secondari (ad esempio i badanti) sono coloro che interagiscono con la tecnologia, facilitando il loro uso e interazione.
  3. Gli utenti terziari non sono direttamente coinvolti ma intervengono attraverso investimenti economici sulle tecnologie di automazione domestica, la manutenzione o la raccolta di dati.

Questa divisione è essenziale perché è necessario creare l’ecosistema attorno alla persona. Più il gruppo è completo durante il processo partecipativo, più è probabile che l’innovazione sia sostenibile.

Sono disponibili diversi strumenti per supportare l’implementazione di processi partecipativi. TUTTAVIA, la rete europea dei laboratori viventi può essere una piattaforma interessante per ottenere risorse per la co-progettazione (non specifica per le persone anziane): https://enoll.org/. Per chi vuole avere una visione d’insieme di ciò che è disponibile, la guida PROGRESSIVE per la coproduzione degli standard ICT per l’invecchiamento attivo e in buona salute riassume diversi strumenti.

L’Istituto di ricerca collaborativa sull’invecchiamento di Manchester (MICRA) promuove la ricerca interdisciplinare su tutti gli aspetti dell’invecchiamento e ha pubblicato diverse risorse per la ricerca di comunità favorevoli all’età (vedi in particolare il lavoro di Tina Buffel e le sue pubblicazioni del 2018. : Una prospettiva “interna” sui vantaggi e le sfide della ricerca tra pari o sulla trasformazione della ricerca in azione: coinvolgere le persone anziane nella co-produzione di conoscenze sull’intervento di vicinato a misura di anziano).

La metodologia di co-design NESTORE per un coach virtuale è probabilmente anche una delle migliori pratiche che abbiamo visto finora nei progetti in termini di coinvolgimento degli utenti. Il rapporto sui bisogni, i valori e i suggerimenti per la co-progettazione della Sheffield Hallam University è accessibile sul sito web del progetto e fornisce una panoramica completa della metodologia e dei primi risultati raggiunti.

Intervista a cura di Samuele Verucchi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.